Mediterranea inaugura il Festival TS Danza 4.0

La compagnia di Daniele Cipriani riprende eccellentemente l'acclamata coreografia di Mauro Bigonzetti

Details

Created by Dejan Bozovic · Review

Il Mediterraneo da millenni, più che essere un mero termine geografico, rappresenta un concetto antropologico, estetico e, per certi versi, etico. A vederlo, gli antichi greci emanavano l'urlo liberatorio “Thalassa!” e le genti di svariata provenienza si riversavano verso quel mare che poi da tutti loro fu chiamato il Mare Nostrum.
Un quarto di secolo fa, Mauro Bigonzetti ha tentato di trasporre l'incanto inesauribile di questo magnifico ed ipnotizzante spazio nel linguaggio della danza, ed il risultato è stato degno dell'oggetto dell'ispirazione. La creazione ideata originariamente per il Balletto di Toscana, per l'appunto, è stata ripresa dieci anni fa dalla compagnia della Scala, dall'Aterballetto e da San Carlo partenopeo, ed ora dalla Daniele Cipriani Entertainment con l'allestimento esordito in prima nazionale allo Stabile del Friuli Venezia Giulia di Trieste, inaugurando la quarta edizione del Festival TS Danza.
Dopo un quarto di secolo, “Mediterranea” è uno spettacolo vibrante e coinvolgente, capace, senza pretese narrative, di generare i sentimenti e le sensazioni, di evocare il calore, la sovrabbondanza e quell'irresistibile asprezza dei paesaggi brulli di bellezza inebriante. I corpi dei danzatori che delineano la storia muta di un paesaggio imperturbabile e il suo eloquente aspetto umano si muovono sinuosi oppure severi, accattivanti e distanti, in una perfezione arcaica e nello stesso tempo assolutamente vicina. L'eccellente compagnia di Cipriani si fonde con le bellissime musiche scelte da Paride Bonetta e Bigonzetti stesso, per ricreare un pensiero luminoso e melanconico, solare e ombroso, rivolto ad una delle culle della civiltà.

Date 2018