Ologramma

Sette vite per non morire (M.G. Mariani | Guida Editori, marzo 2019)

Details

Sinossi
L’autrice ha un problema e per venirne a capo si crea un personaggio con un analogo problema. Anche quest’ultimo per lo stesso motivo decide di fare altrettanto. La sequenza continua e si arricchisce di nuovi personaggi, anche più d'uno alla volta, come una sorta di invenzione a più voci, o, per rimanere in ambito musicale, di tema e variazioni. A volte si susseguono, ancor più spesso si intrecciano, analogamente i personaggi s’incontrano e intessono una storia tra loro. Di qui il titolo “Ologramma”, che rende l’idea di questa stesura compositiva, a cui, tra l’altro, si ispira un brano musicale composto dalla stessa autrice. Realtà e finzione risultano fuse, ma costituiscono anche la chiave di volta dell’intreccio e, in definitiva, del suo male, che non le dà tregua. L'uomo cerca disperatamente una soluzione alle sue angosce, combatte contro se stesso e si sente allo sbando. Il caso, la quotidianità, le difficoltà della vita, senza chiedergli il permesso, provvedono ad intervenire e a segnare irrimediabilmente il suo destino.

---------------------

Altre info
Il romanzo è collegato al progetto editoriale musicale "Pour jouer - Virtuoso Piano Works" inciso di recente per l'etichetta discografica giapponese Da Vinci Classics di Osaka, essendovi inclusa l'omonima composizione musicale, intitolata, per l'appunto, Ologramma - Tema, 17 Variazioni, Finale con Improvvisazione.
Struttura e costruzione armonica della musica e struttura del romanzo coincidono essendo entrambe basate sul principio musicale del Tema e Variazione, in questo caso con un Finale a sorpresa, sia nella composizione musicale che nel romanzo: nel brano musicale perché si realizza attraverso l'estemporaneità dell’Improvvisazione che, non essendo fissata per iscritto sullo spartito, varia di volta in volta ed lasciata alla libertà creativa del momento; allo stesso modo, il romanzo Ologramma. Sette vite per non morire la narrazione viene lasciata insoluta e aperta ai mille orizzonti degli eventi, al destino, al caso.
Si tratta di un filone, quello musica-narrativa, che Maria Gabriella Mariani porta avanti da tempo e che caratterizza buona parte dei suoi lavori dal 2008. In particolare quest'ultimo libro si basa su un accadimento che potremmo per certi aspetti definire "sociale" perché più diffuso di quanto si pensi: si tratta di quei mali della mente e dell'anima da cui è difficile uscire e che ha trasformato in modo assai marcato il suo rapporto con il fumo (dopo il romanzo ha smesso definitivamente di fumare), con la vita, con la musica.

Date Mar 2, 2019