Perle d’opera (…intanto da qualche altra parte)

Details

Vi è un sito su Internet [*] che pullula di materiali operistici noti e no, frammenti ma-va detto-pure edizioni integrali.
Tra queste diverse sia recenti, sia fuori circuito e che offrono-proprio quest'ultime-uno spaccato dell'altra parte del pianeta (delle scimmie?).
Verrebbe da suggerire che tali varietà, non sono poi da farsi sfuggire (nella clip sotto-10 minuti-"campionate").
Esempi di come la voglia di far musica, suonare e cantare non conosca ostacoli. E dare la musica al popolo che la chiede a tutta voce benché-forse-la massa preferisca il calcio ad esser onesti.
Persino con molti suggerimenti ai "grandi" registi di grido che ci dilettano con le loro idee ed interpretazioni (i nomi blasonati li conoscete). In quella qui citata del "Trovatore", non peregrinamente, il locale regista risolve il finale con il Conte di Luna che strangola Azucena dopo la fatale rivelazione del fratricidio.

Non meno esilarante l'edizione greca dove Canio non pago di aver fatto fuori (ovviamente) una bionda Nedda somigliante a Pippi Calzelunghe, e poi il ganzo suo, mette paura a destra e sinistra gli astanti per trovare un terzo da accoltellare, decidendo poi per un bel karakiri. Alla faccia dei mesi di arrovellamento di un Vick o Michieletto per "belle" (e remunerate) sortite. E così via le altre, con riprese televisive che sottolineano ed ingigantiscono particolari dell'insieme che lasciamo alla curiosità di chi vorrà assaggiare e poi-magari-cercare meglio alle fonti.

Vi è da ammettere però (e qui sta il nocciolo del presente "topic") che la musica, quella grande musica, di Verdi, Puccini, Bizet pure in questi contesti un (bel) po' infelici, faccia comunque e nonostante il suo effetto o effettaccio, quasi a rimproverare il pensiero di chi dopotutto (come lo scrivente) crede che il buon spettacolo d'opera sia dato anzitutto da una eccellente performance canora e musicale e-se possibile-da una "regia" decente, ammesso che nella lirica esista veramente e sia necessaria una "regia". Ma anche no ossia ne facciamo a meno, è tutto nello spartito: nessuno si appassiona veramente all'opera vedendola, bensì ascoltandola e per paradosso questo valeva anche nell'Ottocento, ben prima dell'invenzione di Edison).

Attendendoci che qualcuno-come spesso s'usa-abbinando l'utile al dilettevole e recandosi per vacanza sua da quelle parti lì, ci riferisca a tempo, offrendo le proprie puntuali recensioni.


[*] www.operaonvideo.com/


www.youtube.com/watch

drive.google.com/file/d/1QDcJn8cJkDo9t9b…

Date May 7, 2019