Alessio Bidoli e Bruno Canino: un nuovo progetto discografico per Warner Classics

l nuovo disco è una raccolta di opere di Poulenc, Ravel, Stravinskij e Prokofiev ispirate ai più grandi violinisti loro contemporanei.

Details

Created by Donatella Buratti · Cd

Alcune pagine emblematiche del repertorio per violino e pianoforte del Novecento, proposte in questa raccolta e interpretate da Alessio Bidoli (con uno Stefano Scarampella del 1902) e Bruno Canino, nacquero dallo stretto rapporto intrattenuto dai loro compositori con violinisti in grado di misurarsi con lo “Strumento del Diavolo”, quali Hélène Jourdan-Morhange e Jelly d’Arányi, dedicataria della Tzigane, con Ravel, Samuel Dushkin, che collaborò con Stravinskij alla trascrizione di due numeri de L’Oiseau de feu, Pawel Kochanski, che consigliò Prokof’ev di trascrivere le sue Cinq Mélodies op.35, e Ginette Neveu, musa ispiratrice della Sonate pour violon et piano di Poulenc. Completa il programma la Suite Italienne, nella versione del 1933 scritta da Stravinskij per eseguirla in concerto con Samuel Dushkin. «In questo disco – afferma Alessio Bidoli - proponiamo un repertorio che mette a confronto alcuni tra i più importanti compositori russi e francesi della prima metà del Novecento, un viaggio musicale da Parigi a San Pietroburgo durante il quale violino e pianoforte dialogano costantemente». Il ricco libretto che accompagna il Cd è impreziosito dalle opere fotografiche di Gabriele Basilico. L’immagine di copertina è stata ideata e realizzata da Mauro Balletti.

Label Warner Classics · Year 2017